Malesia

Di nuovo a Kuala Lumpur

E rieccoci in Malesia, dopo quasi un anno dalla prima volta che siamo venuti, estasiati dalla bellezza della citta’, dalla facilita’ negli spostamenti e dal suo clima multiculturale.

Siamo arrivati ieri dopo 8 ore di sballottamenti durante il volo da Sydney che sinceramente spero di non rivivere. L’aereo era quasi vuoto e cosi qualcuno si e’ sdraiato durante la centrifuga causata dalla perturbazione atmosferica, io compresa. Si avverte meno il rollio continuo. Posso dire che ho pregato tutto il tempo di arrivare a destinazione sani e salvi. Io sono molto apprensiva in tutto e questo rende la vita un po difficile a volte perche’ le situazioni difficili le si vede doppiamente difficili.😅

Quando siamo atterrati ci siamo subito diretti a cercare cibo, eravamo esausti e sul volo ci hanno dato un solo pasto composto da riso e verdure ma se volevi altro dovevi pagarlo e cosi abbiamo tenuto la fame fino al momento dell’arrivo. Ci siamo seduti in un ristorante coreano in aeroporto e abbiamo provato le loro specialita’ per la prima volta. Mattia ha preso del pesce con della verdura strana, mentre io ho preso questo:

20170127_191142.jpg

Si chiama Teobokki ed e’ composto da gnocchi di riso molto gommosi e verdure stra piccanti, tanto che la bottiglietta d’acqua non ci e’ bastata e ho dovuto correre a comprare un succo di carota che ci ha salvato la bocca dalle fiamme…

Cio’ che ci piace molto dei paesi asiatici e in generale nel sud del globo, e’ l’ampia varieta’ di succhi di frutta fatti al momento e a prezzi ridicoli. Frutta molto particolare a volte e sempre dolcissima. Pensate che per un succo di carota come il nostro abbiamo speso 1.50 euro (vi parlo in euro cosi e’ piu’ chiaro il concetto) e per un piatto come quello in foto 4 euro. Quindi potete concedervi spesso di mangiare al ristorante e trovate davvero tutti i prezzi e tutti i tipi di cibo. Per quanto abbiamo constatato, ognuno ha la qualita’ come primo ingrediente. Sorprendente vero? E’ che a volte si hanno troppi pregiudizi per capirlo, come certe persone che non si scollano dal loro solito piatto di pasta non provando mai altre specialita’ culinarie straniere. Non sanno cosa si perdono!

Abbiamo contattato una persona tramite Uber ed era subito fuori dall’aeroporto e  alla modica cifra di 17 euro per 60 kilometri di strada portandoci fino al centro, perche’ alloggiamo proprio in centro, nel quartiere Bukit Bintang, famoso per la strada piena di ristoranti e cafe’ che si animano moltissimo di sera e pochissima distanza dalle Petronas Towers, simbolo cittadino nonche’ opera maestosa, specialmente viste alla sera:

20170128_195257

Il nostro albergo si chiama Sahabat Guest House e costa solo 25 euro al giorno per entrambi, considerato che c’e’ il bagno in camera e la prima colazione inclusa, composta da marmellate, cereali di vario tipo e la scelta delle bevande. Penso sia ottimo! Rimane a poca distanza dalla Metro.

Oggi la giornata l’abbiamo dedicata interamente al centro citta’(e’ anche la festa per il Capodanno cinese, celebrata con dragoni danzanti e decorazioni bellissime) addentrandoci tra le stradine e nei centri commerciali per un po di refrigerio dalla canicola esterna. Ci saranno piu’ di 30 gradi compresa l’umidita’ molto alta. I centri commerciali collegano con un sistema di gallerie, sia la metro che le Petronas Towers, quindi e’ perfetto percorrere dall’interno per arrivare prima nel luogo designato. Non abbiamo fatto acquisti sebbene ci serva qualcosa da ripristinare in valigia, ma non per i prezzi, piu’ che altro per la poca voglia di spendere in cose…abbiamo preferito mangiare bene per pranzo andando al Simple Life, ristorantino salutista al piano sotto del centro commerciale Pavilion (il piu’ gettonato) e provare queste delizie a soli 14 euro entrambi…un affare:

20170128_135259.jpg

20170128_135941.jpg

Ogni ristorante e’ pieno, c’e’ poi una zona vicino a questo centro commerciale, che ospita dei ristoranti molto eleganti e allo stesso tempo arredati con uno stile unico. I prezzi non sono esagerati come pensavamo. Si trova in un complesso molto lussuoso, oserei dire anche troppo, infatti c’era poca gente ai piani alti e atrraverso una galleria si giunge direttamente all’hotel Ritz…dunque immaginate che sfarzo. Non ci e’ piaciuto comunque. La zona al piano terra coi ristoranti invece decisamente bella e a prezzi giusti.

Purtroppo la crisi non tocca il settore opulenza…si vedono sfrecciare auto enormi e ad ogni negozio che porta il nome di stilisti famosi, c’e’ una persona che vi apre e chiude la porta vestita molto elegante. A che serve dico io? Cosa credono di riempire le persone comprando tutto cio’? Niente

Mi sono comprata dei pantaloni (trovati per miracolo perche’ purtroppo le taglie le hanno tutte piccole, di norma perche’ adatte alle asiatiche che hanno vitini molto stretti e culi piccoli) alla cifra di 20 euro. Ecco il mio lusso…averli almeno trovati. Mattia e’ stato piu fortunato. Ha notato molte cose a poco prezzo che gli piacevano e alla fine non si e’ comprato nulla. Preferisce pensarci prima di fare un acqusito solitamente.😊

E cosi ora siamo in camera, dopo una doccia rigenerante siamo pronti per la nanna. Geniali i bagni perche hanno un doccino in parte al water per cui al posto del bidet e della carta igienica…usi direttamente il doccino per lavarti le parti intime. Geniale no? E’ segno di pulizia e igiene e lo trovo comodissimo. Ah, l’acqua calda ce l’hanno!

Vi lascio alle foto e video di Fb. Alla prossima gente e se avete curiosita’ non esitate a chiedere.👍

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...