Nuova Zelanda

Nuovi programmi

Comincio col condividere qualcosa per me importante e che sono certa apprezzerete:

Due anni fa: Goa-India.

Cammini per strada e ti guardi attorno.

C’è molto di più di ciò che l’occhio vuole/può vedere.

C’è un bambino che ci viene accanto e indica col dito la bottiglietta di aranciata che abbiamo.

Gliela diamo. Per lui è una grande vittoria. Per lui, seduto all’angolo della strada con la mamma giovanissima e una sorellina.

Il tempo scorre e capisci che non ha più importanza ciò che pensavi prima…prima di partire…

Arrivi di fronte un luogo con l’insegna di Madre Teresa che campeggia sulla facciata.

Proviamo a entrare? Mi incuriosisce tutto ciò che riguarda Madre Teresa…significa India dopotutto…significa povertà…quella che arricchisce il tuo cuore ma non si fermano più le lacrime…

Perché entrando in quel posto che pareva un asilo da fuori, in realtà è un orfanatrofio.

Bambini trovati per strada….nei bazar…figli di madri che non potevano tenerli per motivi diversi….tutti disperati.

Cammini tra le culle e senti che il passo cede

Tutti i bambini e bambine sono bellissimi…sono sani…finché arrivi in fondo alla sala e ti si presenta tutto l’orrore del mondo che non riesci a contenere dentro…

Una bambina cieca, sorda e muta..

Un bambino che resta perennemente sdraiato perché ha la testa troppo grande e non riesce a tenerla su…

E un altro…un bambino…che sotto le palpebre…non aveva nulla.

La madre l’ha accecato, probabilmente per provocare pietà in coloro a cui chiedeva l’elemosina….

E lì non ho retto più.

Ho dovuto sedermi e sono scoppiata a piangere, tanto che una suora pensava piangessi perché volessi adottare un bambino non potendo averne uno mio…ma come spiegare…in quel momento non riesci a parlare.

La realtà è che non posso sopportare di vivere in un mondo tanto ingiusto, in un mondo in cui a qualcuno il futuro è stato completamente negato…un futuro che qualcuno NON VEDE DEL TUTTO.

Chi gli ha fatto questo? Chi riduce l’India e altri luoghi nel mondo nella povertà assoluta e irrisolvibile.

Ho avuto le lacrime per tutto il tragitto di ritorno al nostro alloggio.

Prima di uscire dall’orfanatrofio c’erano altri occhietti…di bambini di 2 GIORNI trovati chissà dove…

Mi è uscito spontaneo chiedere alle suore se avevano bisogno d’aiuto.

Mi hanno risposto che servono volontari per dare i biberon.

Gli ho promesso che non me ne sarei mai dimenticata di loro…

Eravamo in quel paese solo per 5 giorni e non potevo rimanere con loro…

Ma se Dio vuole…loro mi aspettano ancora e io posso dare un contributo a questo porco mondo, stando con chi il bisogno ce l’ha veramente.

A distanza di 2 anni penso: noi ci lamentiamo…noi nelle nostre esistenze spesso vuote e ovattate, non pensiamo MAI a chi sta peggio, se non in questi momenti di festa in cui il buonismo (più che la bontà) viene elargito abbondantemente.

Mi vengono in mente i loro volti…sapete…non me ne scordo nessuno. Sono tutti qui e chiedono un abbraccio, chiedono giustizia, si chiedono perché quella parte di mondo è lasciata SOLA.

E così sento che il pianto di quelle madri, di quei bambini, di quella terra, cosi come gli intensi sorrisi, belli come nessun altro…mi resteranno per sempre dentro e scavano le vene come un uragano di emozioni.

E anche questo trailer di un film che molti di voi avranno visto o letto il libro:

L’abbiamo guardato ieri sera e ci è proprio piaciuto. Fa capire quanto siano importanti i rapporti che vanno oltre handicap fisici. Quanti avrebbero avuto il coraggio della protagonista?💖

Qui il tempo prosegue grigio, oggi un po meglio, almeno non ha piovuto ma comunque fa freddo. Che peccato abitare in un posto che assapora l’estate per pochissimo tempo. So che ci sono persone che amano luoghi simili…noi siamo molto più esotici 🍹😃. Inoltre l’unico rapporto avuto con una vicina di casa, è stato quando questa è uscita per dire a Mattia di spostare l’auto dal loro parcheggio quando finiva di lavarla. Non c’è nessuna curiosità da parte loro nei confronti dello straniero. Non so se sapete che i popoli anglosassoni sono quelli che di solito non si impegnano nell’imparare lingue nuove perché hanno spesso la supponenza che, comunque nel mondo, sia essenziale l’inglese. Eh bravi ignorantoni😄.

E ho una novità: vi scrissi ieri che aspettavamo una risposta ad una richiesta di couchsurfing che avevamo mandato…ebbene ci ha risposto questo ragazzo slovacco, dicendo che possiamo soggiornare da lui per due notti! Ovviamente avevamo anche controllato le recensioni e sono positive. Evviva! Almeno risparmiamo i 100$ che ci sarebbe costato l’ostello. È la prima volta per noi alloggiare in questo modo, di sicuro è conveniente! 👍

Non vi avevo detto che in chiesa era entrata una signora col cane! 🐶 Qui e normale a quanto pare. So che in Italia, per lo stesso comportamento, una signora è stata invitata a uscire dal prete stesso. Mi chiedo che male ci sia? Sono stati creati prima loro di noi ricordate? A me dà ancora più un’aria di serenità 🐴.

Ora vi saluto e vado a nanna. 😴

P.s. Nella foto è Ted coi miei capelli stile gentleman bohemian 😋.

Annunci

4 thoughts on “Nuovi programmi

  1. Quell’orrore l’ho visto anche in Marocco nella Medina. Mamme che storpiano i figli per chiedere avere più elemosina, ho visto mamme con i loro bimbi che giocavano nella polvere e loro vendere pasticcini fatti in casa. Anch’io ho pianto. Sono situazioni che non dimentichi più! A tutti questi bimbi auguro un futuro migliore!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...