Nuova Zelanda

Calma e sangue freddo

Mi hanno fatto notare che sono diventata un po polemica ultimamente. È vero. Non va bene lo so. I periodi meno rosei fanno uscire lati non belli del carattere. Usando il blog anche come sfogo mi piace raccontare ogni tipo di vicissitudine…bella o brutta, divertente o triste. Un po come gli stati d’animo che si susseguono in ognuno di noi. Ma ci tengo a dire che in nessun modo vorrei farvi passare la voglia di fare la nostra esperienza. Sì è vero, ci sono lati poco facili, ma nessuno aveva mai pensato fosse facile. Però non fraintendete i miei sfoghi come la linea di massima. Capitano come è normale che sia, specialmente sul luogo di lavoro.

Anche oggi Mattia ha lavorato 10 ore, ma gli va bene così, per mettere da parte qualche soldo e fortunatamente Athol gliene dà la possibilità. La cosa che lo ha lasciato un tantino basito è che non gli viene offerto granché da mangiare durante le pause. Ad esempio la prima pausa, si è trovato davanti un caffè e basta, la seconda invece, quattro polpette di patate e mezzo toast. Il lavoro è duro e gli serve energia. E pensare che Athol gli ha pure chiesto se poteva fermarsi oltre le 10 ore. Va bene tutto, ringraziamo che sta dando lavoro a Mattia, ma lui è molto stanco dopo tutte quelle ore per accettare di proseguire. Si trova bene il nostro titolare con Mattia, gli dice sempre di sì e non ha mai chiesto l’aumento.

Vi farete un’idea forse brutta di Athol, ma non voglio che sia così, diciamo che nonostante i piccoli disguidi, è il titolare migliore che abbiamo incontrato finora. Sappiamo bene che c’è di peggio e invece lui ci ha sempre trattati bene, ovviamente con qualche riserva, nel senso che lui ha la mente da titolare e quindi non guarda più di tanto al nostro interesse. Insomma, alti e bassi come in molte relazioni lavorative. Forse un po ci mancheranno, ma credo ci mancherà di più l’ambiente circostante con la spiaggia e il monte. Per colpa del mio modo impulsivo, magari ho dato adito a pensieri negativi in merito a tutta la nostra esperienza, ma in realtà sono momenti, rispetto al totale. Mi scuso se sono stata noiosa raccontando certi particolari spiacevoli, ma tendo a parlare senza filtri e volendo scrivere questo diario, scrivo sia cose belle che non. Gioca molto il carattere anche a scrivere un blog. La mia diffidenza verso le persone probabilmente ha ruolo in ciò. È che quando prendi tante fregature non sai bene se fidarti e fino a che punto. ☺

Bene, io invece ho passato la giornata in spiaggia, perché non mi ha chiamato a lavorare, ma c’è già un sostituto che sta provando. Sabato mattina partiamo da qui per andare a Taupo come vi ho scritto e sinceramente siamo contenti di cambiare aria. Gli umori ingrigiscono anche perché fare le stesse cose per un lungo periodo non ha tutti va bene e noi essendo viaggiatori, vogliamo vedere altro ora. Mi pare giusto visto che non ci viviamo qui ma siamo solo di passaggio. Quindi è giunto il momento.

Concludo chiedendo scusa per le polemiche che non fanno onore al blog, deformazioni di espressione non sempre utili. Ma sappiate che rifaremmo la stessa scelta nonostante tutto. Non fraintendetemi: quando l’umore non è il massimo si parla in modo ombroso, se invece si è allegri, logicamente prende tutto un’altra piega, più bella. Questo non significa pentimento. Credo anzi che troppo spesso si leggano diari di esperienze idilliache senza occhio critico e molte persone ci cascano e magari prendono fregature. Perlomeno questo straccio di blog non è edulcorato😅.

A presto…❤

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...