Nuova Zelanda

Arpa notturna

A volte per addormentarmi mi serve della musica rilassante. Ho scoperto che in YouTube ci sono molte melodie di arpa e me ne sono innamorata subito. È uno strumento che mi piace particolarmente. Mi spiace non saper suonare alcun strumento ora che ci penso 🎹. Insomma quando i pensieri si fanno assillante e la malinconia bussa insistente, ci vuole un aiutino sonoro più tisana! 🌾

Mi sono appena fatta la doccia e pensavo che qualche volta voglio lavarmi i capelli col caffè per accentuare i riflessi neri dei capelli che già ho molto scuri. Ho letto su internet che è possibile usare il caffè come impacco (non caffè solubile) da tenete 15 minuti e poi sciacquare con aceto bianco per fissare la colorazione. Pare essere utile per le persone con i capelli scuri che magari hanno qualche capello bianco, il mio caso 😄. Proverò…quando trovo una moka 🍵.

Oggi ha lavorato solo Mattia facendo ben 8 ore perché Athol aveva bisogno di una mano a dipingere una stanza, domani finiranno. Mattia ha potuto intravedere la signora che verrà a sostituire Lorraine quando andrà a lavorare in agenzia viaggi. Io non sono uscita anche perché ha cominciato a piovere a intermittenza e così ho fatto la casalinga: lavatrice, stendi i panni, ritira i panni e piega quelli di Cam. Poi mi sono dedicata a cercare alcune cose interessanti al pc che a me piace andare in cerca di notizie e infine ho concluso di vedere un film pakistano sottotitolato in italiano che parlava della vita delle donne pakistane e le sofferenze che affrontano oltre agli stereotipi duri a morire in una società chiusa. Ecco il link del trailer che ho trovato solo con sottotitoli inglesi. Bella la frase finale nel film che voglio lanciare come provocazione:

È una violenza uccidere un figlio, ma non lo è altrettanto metterlo al mondo negandogli di vivere la propria vita come crede privandolo della facoltà di decidere? Oppure ben sapendo che non lo si potrà sfamare?

Sulla base di quanto accade in Pakistan come in molte altre terre, in cui i figli sono proprietà dei genitori e non possono decidere della propria esistenza oppure alcuni muoiono del tutto di fame.

L’altra sera invece ho guardato un film indiano, anch’esso con i sottotitoli italiani, che parla del dramma della prostituzione minorile in India e del traffico che c’è dietro. La storia è a lieto fine perché la ragazza protagonista mette in galera, grazie alla sua testimonianza, tutti gli uomini corrotti di quel malaffare di cui lei stessa è stata vittima. Per chi se la sente di guardare un film con sottotitoli vi metto qui sotto il link:

Perché non apro un blog sul cinema indiano direte voi? 😅 Il blog serve per unire tante passioni, il viaggio è certamente la primaria, ma non la sola! ❤

A presto! 😙

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...