Nuova Zelanda

Valutazioni personali

Fortuna che il forte vento di ieri notte ha lasciato il posto a un bel sole e un cielo limpido.

Abbiamo lavorato e andremo pure domani. Credo di poter dire che non ci era mai capitata una stanza più sporca di quella di oggi. E pensate che vi alloggiavano 3 ragazze! Complimenti alla femminilità e all’ordine dunque. Avete vinto la medaglia delle burine🏆😡. È possibile trovare cibo ovunque, compresa la moquette, il porta sapone in doccia sfasciato e tutto ribaltato come fosse passato un ciclone. Dico io…ci dormite nei letti o li usate come barca a vela⛵.

Ci abbiamo messo un po di tempo per far tornare tutto all’antico splendore, ho dovuto usare una pasta apposta per l’acciaio perché il lavandino aveva perso la faccia completamente dopo l’utilizzo di quelle gentildonne, poi è inutile che lasciano una scia di profumo quando passano…la sostanza è ciò che conta! Meno male che sono partite. Certo che se è stata sufficiente una notte per ridurre una stanza così…meglio non averle come clienti. A volte le donne sono peggio degli uomini in fatto di finezza. Comunque abbiamo finito di lavorare presto perché qualche stanza l’ha fatta pure Rose e invece ce n’è una in cui chi vi alloggia, ha espressamente detto di non voler essere disturbato per tutta la durata della permanenza. Insomma non si può entrare manco a ritirare la spazzatura. C’è qualcuno che lo fa, l’altra volta era una ricca famiglia cinese che ha voluto lo stesso trattamento. Altezzosi che non siete altro 😝.

Prima di pranzo abbiamo portato le mie scarpe dal calzolaio che ha voluto 15$, sperando proprio che la colla duri altrimenti torno e mi deve fare il lavoro gratis😤. Abbiamo scoperto che è inglese ed era un backpacker, ovvero un viaggiatore stile zaino in spalla, che giunto in Nuova Zelanda ha deciso di rimanerci e aprire questa piccola attività qui in città. È l’unico che c’è quindi non ha concorrenza. Ripara tutto e vende anche le valigie. Ammirevole che ci sia riuscito a rimanere. Molti preferiscono venirci per un periodo e poi tornare a casa perché qui si è lontani da tutto. Noi ad esempio non ci abiteremmo una vita qui. Qualcuno ci ha detto che se troviamo un buon lavoro dovremmo restare. Si ma bisogna fare i conti anche con gli affetti e quelli valgono molto più di un ottima carriera😉!

Per pranzo abbiamo deciso di tornare al ristorante cinese, ebbene si, nonostante eravamo scettici sulla cucina cinese, ci tocca rivedere le nostre posizioni in merito, perché davvero può sorprendere quanto varia e succulenta sia. Nonché genuina dato che se ci fate caso gli asiatici solitamente sono longilinei e vivono a lungo! Abbiamo proseguito il pomeriggio con un bel giro al monte e in spiaggia, notando siano davvero numerose le madri con 3 figli e uno in pancia o già tutti e 4 che scorrazzano sulla sabbia per giocare e le coppie tutte molto giovani. Evidentemente qui non sono attanagliati di paure come noi, vengono riconosciuti dallo Stato e si sentono tutelati. Ve lo dissi che assegni percepiscono ricordate? Dunque se è il loro sogno fanno bene. Inoltre sono bimbi gioiosi, usano le collinette del monte per fare lo scivolo, roba da far venire i capelli bianchi a qualunque mamma italiana io conosca. 😁 Prima volta che vediamo una tale intraprendenza. Nessuna paura e le mamme tranquille sedute nell’erba. Siamo diversi! Noi latine siamo apprensive per natura e quindi ci preoccupiamo di più è innegabile. Qui sarà perché stando molto a contatto con la natura, sviluppano più sicurezza e curiosità. In merito al discorso figli, leggo anche in internet che ci sono 30enni viaggiatrici che si pongono alcune domande, arrivando alla conclusione a cui sono arrivata anche io e che voglio condividere qui:

Quando arrivi vicino ai 30 anni (ne ho ancora 28 intendiamoci 😊), ti vengono fatte svariate domande, sia da chi ti conosce, sia dalla tua testa e sono: perche’ non pensi a mettere su famiglia, comprare casa, stabilirti in un posto e lavorare??? La risposta che mi do e’ semplicemente questa:
Se immagino davanti a me una bella casa, un lavoro a tempo fisso, una culla con dentro un bebe’….e poi immagino davanti un biglietto aereo, una destinazione nuova e lo spirito nomade che chiede risposte…be’…la risposta e’ AUGURATEMI BUON VIAGGIO!!!! 😃
Ammiro le mie amiche che sono gia’ sistemate e che hanno bambini, a volte ho voluto provare a immedesimarmi e pensarmi al posto loro. Credetemi che non ho provato alcun desiderio di maternita’ ne’ tantomeno della cosiddetta stabilita’. Forse perche’ e’ solo vagabondando che mi sento stabile 😉
È strano da capire, ancora piu’ difficile spiegarlo. Non e’ facile essere persone come noi…ma siamo in tante/i, tutte/i con le medesime domande e tutte/i con un pizzico di follia. Qualcuno ha provato anche a farci sentire in colpa dicendo che da vecchie resteremo sole…non e’ detto. Provate a visitare una casa di riposo e vedrete quante mamme con figli sono lasciate sole e nessuno le va a trovare solo perche’ diventate “scomode e vecchie”. Dipende dai rapporti umani che si hanno costruito. E poi diciamolo…non andiamo d’accordo con tutti. O ci amano o ci odiano, ma siamo cosi, con questo piccolo tassello di DNA con la scritta “sei una zingara” che non ci permette di fermarci troppo tempo in un posto, di piangere a dirotto per un bacio sotto la pioggia, di dire sempre quello che pensiamo anche se poi ci sentiamo piu’ male noi.
Probabilmente ognuno raggiunge il suo livello di completezza in diversi modi. Chi con un bel pancione e chi con la valigia in mano. E’ comunque bella qualunque scelta si faccia, basta che sia NOSTRA.

Siamo tutte anime in viaggio sul sentiero della Vita, ognuno decide come affrontarlo. Vi lascio un abbraccio a presto 🏄.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...