Senza categoria

Acquazzoni improvvisi

Come accade spesso qui essendo stagione autunnale, inizia la mattina col sole cocente e a metà mattina pioggia scrosciante. Proprio per questo non abbiamo fatto grandi cose. O meglio. Dipende da come uno le giudica. Siamo arrivati fino a Maketu Beach, proprio mentre pioveva forte, ma dopo un po ecco aprirsi le nuvole e passare un raggio di sole. C’erano tanti gabbiani, sembrava aspettassero pure loro il momento per planare quando avesse finito di piovere.  L’acqua aveva colori bellissimi, sfumando dal blu all’azzurrino. Siamo rimasti il tempo di una foto e siamo ripartiti.

L’altra sosta è avvenuta al Papamoa Park, un luogo selvaggio molto caro ai Maori, che appunto piovendo, era impossibile visitare. Era pura giungla e i sentieri col fango, si sa, diventano pericolosi. Già abbiamo fatto l’esperienza l’altro giorno 😣.

Torniamo verso Mt. Mounganui e decidiamo di visitate una spiaggia con un promontorio antistante sul quale saliamo e ammiriamo una fitta vegetazione, gabbiani che volano in cerchio, un coniglio mangione (purtroppo sul promontorio mettono il veleno perché c’è scritto che i conigli sono troppi…cazzate!) e con grande sorpresa avvistiamo 2 orche. Non erano enormi ma sono passate davvero vicine alle rocce. Che emozione! Quanti splendidi animali ci circondano.

Quindi la giornata è stata comunque emozionante, non serve fare grandi cose no?

Per pranzo siamo andati al ristorante turco e ci siamo deliziati con pietanze squisitamente orientali.  Un locale dove ti puoi sedere sui divani con cuscini e tappeti, un proiettore di immagini della Turchia e musica turca. Ok, prossimo viaggio è già deciso 😁😁. Non pensavamo che le melodie turche ci piacessero così tanto. Tra una forchettata e l’altra avremmo voluto danzare. Per concludere in bellezza e in dolcezza siamo andati a prendere due fette di torta in un bar che prepara cibo vegan, crudista, healthy, in cui servono la fetta di torta su un tagliere con uno scodellino di yogurt ai mirtilli. So cool! Una tazza di infuso Paradise per me (finendo la teiera saranno state 4 tazze totali) e Mattia un cappuccino. Li fanno squisiti qui. E ora che vi ho fatto venire fame, potete vedere le foto su Fb. 😄

La cena è  stata frugale no problem. Anzi, pensavamo di andare a chiedere i prezzi alla palestra qui dietro la nostra via, sarà il caso che se iniziamo a lavorare e non ci sarà più tanto tempo per le passeggiate (visto anche il tempo ballerino) possiamo sfruttare attività fisica in un luogo al coperto. Sarebbe la prima volta che vado in palestra perché preferisco sempre fare attività all’aperto, ma quando non è possibile…meglio altre alternative.

Domani il nostro titolare Wilson ci dovrà informare se e quando presentarci al lavoro a seconda del tempo. Quando piove non si effettua la raccolta della frutta. Ora andiamo a letto, io già ho dormito poco la notte passata, avevo la testa piena di pensieri. Perché in questo momento ho provato a inviare richieste di collaborazioni lavorative a diversi giornali, proponendo anche le nostre foto, ma per ora nulla all’orizzonte. È un mondo difficile anche quello del lavoro online. Su uno che ti risponde, 8000 ti ignorano. Comunque noi siamo testardi su tutti i fronti e qualche risultato lo otterremo. Mattia anche oggi ha inviato dei Cv riguardo il suo lavoro di programmatore. Già uno di questi gli ha risposto che lo attende per un colloquio a Auckland appena terminato il lavoro qui. Speriamo bene. Vi saluto carissimi un grosso bacio 🌞

Annunci

3 thoughts on “Acquazzoni improvvisi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...