Nuova Zelanda

Delusione e amarezza

Dicono sempre di non illudersi per non trovarsi poi a fare i conti con amare delusioni. Stavolta non che mi fossi illusa…solo ero speranzosa. Ho fatto il colloquio oggi pomeriggio con Gerard, un signore che dice di avere cliniche benessere pure alle Filippine essendo sua moglie originaria di quei luoghi.

Intanto continuava a rimandare l’appuntamento, il che non e’ certo sinonimo di serieta’, poi quando finalmente abbiamo potuto parlare seduti a un Cafe’, mi dice che i massaggi che dovro’ fare sono a domicilio o in case private o negli hotel di lusso (e la cosa mi puzza un po), dicendo che di solito chiedono massaggi di coppia e la clientela e’ mista. Capita di doverli fare anche a giocatori di calcio qualche volta. Il problema si pone quando tu devi andare da loro…mi parlava di Hotel Hilton in cui sarei pagata bene. Si ma a quale prezzo personale? Gli ho elencato i miei dubbi dicendomi nervosa al pensiero di trovarmi in una suite a fare il massaggio a un uomo o ragazzo che sia (dite pure che sono all’antica ma io la chiamo prudenza) e lui mi ha detto che essendo appunto varie categorie di persone quelle che chiamano per ricevere massaggi, puo’ capitare anche il tipo “caliente” che potrebbe volere altro. Lui bellamente mi ha detto che non devo accettare naturalmente (e ci mancherebbe senno’ porto direttamente il Cv al nightclub Calendar Girls che abbiamo di fronte al nuovo Ostello), ma comunque la cosa non mi ha entusiasmata. Voi che pensate? Accetti di fare questo lavoro magari incappando in brutte situazioni? Come se fosse la prima volta che succedono inconvenienti spiacevoli a fare questo lavoro, figurati poi se vado direttamente a cercarmi rogne nella “tana del lupo”. Prima di andare via mi ha chiesto se volevo parlare con una sua dipendente (tra l’altro sarda) che magari mi dava ulteriori delucidazioni. Ovviamente ho sorriso e l’ho salutato ma quando poco fa ha richiamato non ho risposto. Di lavori cosi ne trovo a migliaia, io cerco cose serie!

Mentre stamattina sono entrata a chiedere in un negozio di parrucchiere indiane, ma loro si arrangiano da sole, dunque mi hanno fornito gentilmente un indirizzo di una Spa lussuosa di un hotel poco distante. Sono andata a bussare pure li e alla fine dopo aver ammirato lo sfarzo della reception e aver un po sognato, mi sono sentita dire di inviare il Cv (il che significa gentilmente che non hanno bisogno).

C’e’ da dire che quando chiedono il Cv e non vogliono subito un contatto diretto, le possibilita’ di essere presi in considerazione si riducono. L’ho constatato molto bene.

Un’altro tentativo l’ho fatto all’interno di un centro commerciale dove c’era un’insegna di una Spa al piano superiore. Saliamo a vedere e sta traslocando…perfetto direi, lavoro vieni a me…La signora e’ stata molto cortese e si e’ offerta di pubblicarmi l’annuncio su un sito neozelandese in cui cercare lavoro e molto altro: trademe.co.nz (un Ebay della Nuova Zelanda). Insomma anche qui nulla di fatto. Pero’ mi avvisa che e’ possibile lavorare a domicilio (a differenza dell’Italia in cui se lo fai e viene alle orecchie di qualche estetista ti mandano la finanza a casa), allora quando arrivo in ostello provo a scrivere un piccolo annuncio da appendere…come non detto, dicono che qui non e’ possibile…cavolo! Mica sto affittando la stanza per farci porcate! Insomma oggi e’ stata una giornata nervosa totalmente dimenticabile…fortuna che la cena indiana ha ampiamente consolato la mia tristezza e un grazie va anche alla tavoletta di cioccolata al cocco che ho divorato per strada.

Mattia invece e’ stato piu’ fortunato. Ha cominciato il corso di inglese e gli e’ piaciuto moltissimo, c’e’ pure un italiano. Mattia credeva di essere messo non troppo bene con l’inglese ma andando a quel corso si e’ decisamente consolato…un giapponese venuto qui per insegnare appunto giapponese ma non sa una parola di inglese. Buona fortuna anche a lui nel trovare un bel lavoro eh! 🙂 In pratica al corso insegnano l’inglese con una serie di giochi interattivi tra alunni e la durata e’ di 2 ore pomeridiane per 2 settimane.

Altro punto da risolvere e’ l’acquisto di un’auto. Si’ perche’ l’idea di comprarla qui dietro al venditore che poi la ricompra quando la riconsegni, e’ sfumata essendo chiuso per ferie invernali ormai. Dunque ci possiamo rivolgere a privati che fanno addirittura mercati incentrati alla vendita di automobili usate, qualcuno e’ viaggiatore temporaneo come noi. Vediamo di trovare offerte a prezzi vantaggiosi possibilmente senza doverci accontentare di catorci arrugginiti.

Inoltre non sappiamo se e’ per un errore (meglio cosi) della reception ma la famosa wifi a pagamento in questo ostello la stiamo deliberatamente usando gratis!! eheh. La ragazza che c’era al pomeriggio (una tipica anglosassone altezzosa) mi aveva dato una password fasulla e senza avvisarmi che i primi 300MB erano gratis, furba solo per meta’, perche’ non solo l’abbiamo scoperto ma adesso non cade piu’ la connessione, probabilmente per problemi loro e se non si accorgono noi la usiamo senza pagare (la gioia di ogni backpacker no?).

Invece stamattina mentre camminavamo ci ha fermato una signora cinese che ci ha dato un foglio. Insomma, tante volte pensi che chiedano soldi, invece questa signora ci chiedeva solo una firma riguardo al dichiararsi contro l’estrazione degli organi da parte del governo cinese a danno della comunita’ Falun Gong (vi consiglio di leggere di cosa si tratta…ricordate che piu’ conoscete meno sarete vittime) la quale e’ malvista dal governo cinese (famoso per il completo disinteresse verso i diritti umani) e quindi i membri di questa vengono arrestati, torturati e gli vengono tolti gli organi che creano un profitto gigantesco ai malavitosi. Leggendo il foglietto, vedendo le cifre di cui si parla (sia in soldi ma soprattutto di vite)viene da piangere.

Penso di aver detto tutto per stasera, e’ stato un discorso piu’ lungo del solito ma come ormai sapete a me piace dire le cose come stanno e interamente. Il bello e’ piacevole ma tante volte e’ sapendo il brutto che sappiamo come muoverci senza fare errori.

Buona serata e grazie di seguirci! 😀

Annunci

10 thoughts on “Delusione e amarezza

  1. A parte il wi-fi, una sfiga dietro l’altra! 😱 comunque secondo me non sei all’antica, semplicemente ti adatti al mondo in cui vivi…e il mondo in cui viviamo oggi non ci permette di stare sempre tranquilli. Vi rinnovo il mio in bocca al lupo! ☺

    Mi piace

  2. Ciao ragazzi, è normale che all’inizio ci siano delle difficoltà, l’importante è non demordere e non perdere di vista l’obbiettivo. Un abbraccio!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...